Archivio articoli 2017

31 maggio 2017, Missione Ucraina: l’istituto di Borzna

Mercoledì 26 aprile, ricorreva il 31 anniversario del disastro di Chernobyl e noi, come nostra consuetudine, eravamo a Borzna, ospiti dell’Istituto e come sempre calorosamente accolti dalla Direttrice Nadya, dal personale e dai bambini. 

I lavori in istituto sono andati avanti. E’ stata completata la sostituzione dei serramenti (erano tantissimi e ci sono voluti 3 anni), si sta ultimando la ristrutturazione della sala “incontri”, dove lavorerà lo psicologo che periodicamente incontra i bambini ed i ragazzi che hanno più difficoltà. 

Negli anni questo istituto si è mano a mano trasformato, il grande impegno della Direttrice aiutata da Arca Solidale, Cento Villaggi e da alcune altre associazioni, si vede e si tocca con mano.

Abbiamo confermato il nostro impegno nel progetto “Operazione Denti puliti”, è stata consegnata una prima fornitura di spazzolini e dentifrici, che continuerà con una prossima spedizione sabato 3 giugno. 

Sono 16 i bambini e ragazzi provenienti da Borzna ospiti delle nostre famiglie e sono tutti impazienti di partire e rivivere un altra estate italiana. 

La Direttrice ci ha fatto anche incontrare i nuovi bambini che avrebbero bisogno di essere accolti in Italia per un periodo di risanamento terapeutico: sono 21, 8 maschi e 13 femmine dai 7 ai 13 anni. Ora non resta che cercare famiglie disponibili ad aiutare un bambino in difficoltà a cominciare dal prossimo inverno.

Contattateci e vi spiegheremo come!

 

 

15 maggio 2017, Oltre Radinka: i bambini di Volodarka

Il paesaggio che troviamo durante il viaggio verso Volodarka è brullo, austero, apparentemente molto naturale. Noi però che abbiamo consapevolezza del reale stato di questo ambiente contaminato, ci sentiamo un po’ tristi. Lungo la strada, di tanto in tanto, si vedono i segni degli incendi che devastano i boschi, disperdendo con le ceneri la radioattività.

Volodarka dista circa 115 chilometri da Kiev. Il villaggio non ha un suo comune che si trova a Levkovichi. Qui incontriamo Aleksandr, ex preside della scuola, ora con l’incarico di Assessore Comunale. Il nuovo preside, da marzo, è la signora Olena moglie di Aleksandr. 

La scuola è frequentata da 30 bambini a cui si aggiungono 10 bimbi della materna. Tutti i 40 bambini beneficiano dei pasti “puliti” del progetto “Oltre Radinka”. Ogni giorno viene affisso il menù con il nome dei piatti, il loro peso ed il loro costo, divisi per colazione, pranzo e cena.
Aleksandr era stato messo al corrente da Massimo Bonfatti (Mondo in Cammino), che la nostra associazione si occupava di loro. Ci siamo fermati a Levkovichi e con Aleksandr ci siamo recati alla scuola di Volodarka. L’edificio è piuttosto moderno (2001) ed è immerso, come spesso accade in Ucraina, in un ampio spazio verde. Essendo di costruzione recente non presenta i tipici problemi di manutenzione visti più volte in altri istituti e scuole più datate. Durante la visita ci hanno confermato la vitale importanza del progetto: i 40 bambini consumano i 3 pasti giornalieri “puliti”, in aggiunta all’integratore (uno al giorno). A detta di Aleksandr ci sono già stati segni di miglioramento. Nell’inverno appena trascorso, il numero di giorni di assenza da scuola dei bambini per malattia, ha invertito la tendenza e si è ridotto. 

Finita la visita alla scuola ci siamo recati a Ivankiv, presso l’ambulatorio locale, dove i bambini di Volodarka stavano effettuando le analisi previste dal protocollo sanitario. Abbiamo conosciuto Olena la Direttrice e durante la pausa dalle visite mediche abbiamo incontrato quasi tutti i bambini.

Aleksandr ed Olena ci hanno pregato di ringraziare l’associazione ed i suoi componenti per l’aiuto che stiamo fornendo per i loro bambini.

Un particolare ringraziamento ad Alle & Marco, ai volontari ed a tutti i partecipanti alla cena solidale del 1 Aprile.

 

6 maggio 2017, Kuchynivka, il villaggio dimenticato

Il villaggio di Kuchynivka è dimenticato tra le campagne Ucraine. Dista circa 3 ore da Kiev: tante piccole casette di legno, l’eternit che copre la maggior parte dei tetti, poco più di 1500 abitanti. Abbiamo incontrato il Sindaco, la Direttrice della scuola, la signora Valentina nostro referente per i progetti.

Qui a Kuchynivka abbiamo avviato il progetto più importante del 2017: il rifacimento della cucina della scuola, oggi davvero fatiscente. Abbiamo pranzato nella mensa della scuola ed è incredibile pensare come sia possibile cucinare per 97  bambini nell’ambiente attuale e con queste attrezzature. 

L’attuale cucina della scuola

Nelle prossime settimane saranno completati i preventivi e ad inizio giugno partiranno i lavori, con termine previsto fine agosto, prima dell’inizio delle lezioni del 1 settembre. 

Da due anni avevamo questo progetto nel cuore e nel 2017, grazie all’importante contributo della SPEA di Volpiano (www.spea.com), possiamo davvero portarlo a compimento. 

Anche a Kuchynivka come a Borzna, ci sono tanti bambini che hanno bisogno di trovare una famiglia italiana che li ospiti per un periodo di risanamento terapeutico e psicologico. Camminando nel villaggio incontriamo tante donne e bambini, non ci sono uomini. Ci confermano che i giovani sono al fronte, fanno i militari perché possono mangiare e guadagnare qualche soldo. Gli altri uomini, purtroppo, sono spesso ubriachi e chiusi nelle case.

Vladyslav, Nazar e la nonna

Abbiamo incontrato Vladyslav (9 anni) a casa della nonna. Le nonne e le donne in generale, sono la vera forza sociale dell’Ucraina. Vlad da qualche anno è accolto in Italia. Lui è sempre splendido, intelligente, attivo, con un alone di tristezza nello sguardo. Lui tutti i giorni percorre 3 km, da solo, per raggiungere la scuola, anche in inverno con -20 e con la neve alta. Lui non si lamenta mai. Lui rappresenta i tanti bambini Ucraini che incontriamo e conosciamo. Nella loro umilissima casa abbiamo incontrato il suo fratellino Nazar (2 anni), malato di leucemia e impossibilitato a curarsi a causa dello loro totale stato di indigenza. Da circa un anno Arca Solidale sta lottando contro l’immobilismo e la burocrazia per cercare di farlo curare. Noi non molliamo e confidiamo presto di fare qualche importante progresso.

E’ tardo pomeriggio. Lasciamo Kuchynivka con gli occhi lucidi e un groppo alla gola. Anni fa un conoscente mi disse “stai tranquillo, ci si abitua…”.  Io non riesco ad abituarmi a questa desolazione, ancora soffro e mi commuovo.

Arca Solidale è interamente gestita da volontari. TUTTO il ricavato è interamente devoluto ai progetti di accoglienza, solidarietà ed assistenza di bambini ospiti in istituti, case famiglia e famiglie bisognose.

Arca Solidale non ha dipendenti, non ha stipendi da pagare, funziona con il tempo donato dai volontari. Arca Solidale lavora per aiutare i bambini Ucraini (i bambini di Chernobyl) a crescere sani e ad avere un futuro.

Contribuire ai nostri progetti è semplicissimo, basta un click sul pulsante “dona ora” sul nostro sito internet o sulla nostra pagina Facebook, oppure donando il vostro 5xMILLEFate quello che potete, anche qualche euro è importante, perché chi aiuta un bambino, cambia il mondo intero.

 

 

2 Aprile 2017,  

Cena Solidale organizzata da @AlleFruttaBella, per il progetto Oltre Radinka per garantire un pasto “pulito” a 30 bambini della scuola di Volodarka nella provincia di Polesie, in Ucraina.

Non ci sono parole per descrivere l’incredibile serata di ieri. La Cena Solidale a casa di Alle & Marco è stata un successo strepitoso e la ricorderemo a lungo.

Ancora un enorme grazie ad Alle & Marco, a tutti i volontari quelli presenti e quelli che non abbiamo incontrato, ma che hanno aiutato a procurare la materia prima per la cena, a tutti i numerosi partecipanti, ai 16 fantastici bambini delle classi 4 e 5 elementare di Lodetto di Rovato che ci hanno aiutato e reso viva la serata, a “mamma e papà” padroni di casa che ci hanno messo a disposizione la location.

Già al lavoro dal mattino

Abbiamo raccolto 2.000 euro, tantissimo. Un importo inatteso che ci permette di chiudere il progetto di fornitura di cibo per la scuola di Volodarka, ma sopratutto abbiamo conosciuto tante brave persone che con noi condividono la voglia di fare del bene per i bambini Ucraini. GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE!

Vai alle foto

 

 

 

 

Annunci